Aiuto regista

  • Testo
  • Bibliografia3
  • Voci correlate
Figura professionale tipica della produzione cinematografica, con la quale si indica chi svolge un lavoro di stretta collaborazione operativa con il regista. Non esiste un mansionario specifico di tale ruolo, ma la gamma di impiego della figura di a.r. è molto ampia e va dalla soluzione immediata dei più diversi problemi pratici che sorgono sul set durante la lavorazione di un film, fino a girare delle brevi scene di raccordo contenute nella sceneggiatura e comunemente dette ‘fegatelli’.
Tale ruolo rappresenta una prima, utile e necessaria, tappa professionale per chi voglia, successivamente, intraprendere la carriera di regista cinematografico: lavorare accanto a un ‘maestro’, senza dubbio, è un’occasione unica e valida più di cento corsi o di altrettante scuole di cinema. Tutti gli autori prima di diventare tali sono stati, in genere, ‘aiuto’ di qualcuno. Così, ad esempio, gli a.r. di Visconti per il suo film Senso sono stati due giovani, poi diventati famosi: Francesco Rosi e Franco Zeffirelli.
In campo televisivo, esiste una figura analoga, ma con compiti più limitati e definiti: quella dell’assistente alla regia.

C. T.

Bibliografia

  • BUZZI Aldo, Taccuino dell'aiuto regista, Ponte alle Grazie, Milano 2007.
  • PELLIZZARI Lorenzo, Taccuino dell'aiuto regista in «Cinema e cinema», 13 (1986) 46, pp.91-93.
  • VALERII Tonino, Fare l'aiuto regista nel cinema e nella TV, Gremese Editore, Roma 1998.

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Aiuto regista, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (13/08/2020).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
31