Modulazione

  • Testo
  • Voci correlate
Nelle telecomunicazioni indica la sovrapposizione del segnale che fornisce le informazioni, detto onda modulante, a un segnale, detto onda portante, le cui caratteristiche vengono modificate dall’onda modulante in modo da ottenere un segnale complesso adatto alla trasmissione a distanza. La m. viene eseguita per due ragioni:
a) perché il segnale prodotto da un microfono o da una telecamera non può essere tele-trasmesso così come è;
b) perché il segnale portante può essere trasmesso o registrato o ricevuto o separato da altri segnali non interessanti in modo migliore rispetto al segnale modulante originario, non modulato.
Il processo descritto cambia o regola le caratteristiche dell’onda portante che vibra con una certa ampiezza e con una determinata frequenza. Nella m. di ampiezza (AM) l’onda portante ha frequenza costante ed è l’ampiezza che viene modulata, per portare le informazioni del segnale voluto. Nella m. di frequenza (FM) l’onda portante ha ampiezza costante ed è la frequenza che varia. Anche nelle comunicazioni tra calcolatori viene usata la m. per trasportare o registrare segnali elettrici binari in modo più efficiente. (Onde elettromagnetiche)

G. F.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Fortunato Giuseppe , Modulazione, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (13/06/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
824