Flash

  • Testo
  • Voci correlate
Termine inglese che significa lampo; in italiano assume varie accezioni secondo il contesto in cui è utilizzato;
In ambito giornalistico è il lancio di agenzia contenente una notizia, urgente e importante, da trasmettere alle testate con priorità assoluta. Il f. si caratterizza per il messaggio ridotto e conciso, finalizzato a offrire la notizia con grande velocità (ad esempio: "È morto il Papa", "Attentato a Kennedy"; "Forte scossa di terremoto in Irpinia e Basilicata"). Spesso la forma del f. viene utilizzata per mandare in rete le notizie prima che lo facciano le altre agenzie concorrenti. I dettagli e gli approfondimenti della notizia verranno offerti nei lanci successivi (Take).
Nel linguaggio radio-televisivo è l’edizione ridotta di un telegiornale o di un giornale radio. Si caratterizza per la breve durata e per la proposizione in breve delle notizie più importanti. Per le notizie di eccezionale importanza, arrivate fuori dalle ore di normale programmazione, viene utilizzata la formula dell’Edizione Straordinaria.
Nel gergo giornalistico televisivo, il f. è anche una ‘tendina’ elettronica visiva, che viene utilizzata per tagliare le interviste in fase di montaggio.
In ambito fotografico è la sorgente luminosa di tipo ‘istantaneo’ sincronizzabile con lo scatto della macchina fotografica; può essere di piccole o piccolissime dimensioni (integrato con la macchina oppure a essa agganciabile) oppure di dimensioni più grandi per un uso squisitamente professionale.

A. P.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Preziosi Antonio , Flash, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (11/04/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
530